Thursday, April 20, 2017

SOLOBLU BEACHWEAR COLLECTION 2017

A touch of  Mediterranean Folk has inspired the interpretation of maiolica designs with new optical touch for the Soloblu collection 2017.
Monochromatic prints with cobalt blu, black and white will energize swimsuits and coverups. Fringes and pon-pons as details to be used on fluid cotton kaftans, ponchos shirts and jersey dresses.
Graphic patterns and energetic colors are inspired by Futurism, the artistic movement of the early 20th century.
The asymmetrical silhouette of fluid jersey coverups, is combined with soft and light georgette chemisier, kaftans and ponchos.
The graphic inspiration in also in the swimwear with block colors one pieces and bikinis with a see through geometric effect. Swimwear is very feminine with sculpted silhouette. The style is sophisticated. The body is dressed up like a second skin with a perfect fit given by Sensitive fabrics and the flawless cuts.
Soloblu swimsuits by Benedetta and Isabella Stanca have an incredible shaping effect.
(SoloBlu – Italian Beach Couture flagship stores are in Milano, in via Borgospesso 4 near Montenapoleone and in Sardinia, Porto Cervo at Promenade du Port).

Un tocco di “Folk Mediterraneo” ha ispirato la reinterpretazione moderna dei disegni delle maioliche in chiave neo-optical, riprendendo i colori del mar Mediterraneo e dei giardini di Majorelle a Marrakech per la collezione Soloblu 2017.
Stampe monocromatiche di blu cobalto e bianco gesso, portano energia ai costumi ai copricostumi e ai caftani di ispirazione folk anni ‘70 decorati con frange, pon-pon, insieme a poncho, camicie di cotone con collo alla coreana e vestiti di jersey. Il pizzo è bianco con disegni geometrici che simulano una rete da dove filtra la luce. I pattern si ispirano all’arte della pittura Futurista dei primi del’900. I colori sono fusi, mescolati in nuance, creando geometrie cromatiche, dal fucsia all’arancio, dal viola al lilla con intarsi di bianco. Il jersey si mescola con un leggero georgette per creare silhouette asimmetriche. Realizzati con una Lycra Sensitive avvolgente come una seconda pelle, con lavorazioni vedo-non vedo in punti strategici e dettagli grafici e sporty-chic, i costumi Soloblu di Benedetta e Isabella Stanca, aiutano a dare un incredibile effetto modellante.
( I prodotti SoloBlu sono disponibili presso le boutique monomarca a Milano in via Borgospesso 4, a Porto Cervo a Promenade du Port e sul sito www.soloblu.com).
Per chi è a Roma oggi la presentazione della collezione 2017 all'Hotel Adriano-Sala d'Ascanio-Via di Pallacorda 2






Wednesday, April 19, 2017

70's IN EVERY SEASON

An era revitalized every time from every season's collections, the "Seventies" in just ten years gave it to us styles like hippie chic, glam rock, dressing power and punk. It's been nearly half a century and these styles continue to inspire fashion designers and fashion victims of all ages, even those of the 70's have only been able to study them from books, movies and fashion magazines.
The imagination of the style of those years is so well-defined that after finding this shirt by Jean Cacharel dressed up like this was automatically.
 Un'epoca rivitalizzata ogni volta dalle collezioni di ogni stagione, i "Seventies" in soli dieci anni ci hanno regalato stili come l' hippie chic, il  glam rock, il  dressing power  e il punk. E' passato quasi mezzo secolo e da questi stili continuano a prendere ispirazione stilisti, e fashion victim di ogni età, anche chi i 70's li ha solo potuti studiare da libri, film e riviste di moda. L'immaginario dello stile di quegli anni è così ben definito che dopo aver trovato questa camicia firmata Jean Cacharel vestirsi così è stato un gesto automatico.
                                                                           photo:Marianna Piccolino/Styling:Mimma Montorselli





 Early 70's silk shirt by Jean Cacharel, denim trousers by Cigala's, suede ankle boots by L'Autre Chose, Marni sunglasses, vintage leather bag, necklace by Simona Lavazza, 70's floppy wool hat

Camicia di seta primi anni '70 di Jean Cacharel, pantaloni denim  Cigala's, tronchetti di camoscio L'Autre Chose, occhiali da sole Marni, borsa pelle vintage, collana Simona Lavazza, cappello in feltro anni '70

SEVENTIES ON CATWALKS F/W 2017-18
Marc Jacobs - Marni - Tory Burch - Trussardi - Chloé
Related Article:http://www.scostumista.com/2017/04/when-it-was-jean-cacharel.html

Tuesday, April 18, 2017

WHEN IT WAS JEAN CACHAREL

In 1962 Jean Bousquet, in Nîmes, founded the company Jean Cacharel. Cacharel is named after the local name of the garganey (Anas querquedula, a small duck) in the Camargue.
Jean Bousquet was the son of a sewing machine salesman; he was immersed in the world of clothes making since childhood. He trained to be a tailor at a technical college and worked for two years as a designer before returning to Paris to found his own fashion house in Le Marais. The success of his first collection inspired him to create Cacharel.
The first successful recognition thanks to the famous blouse made in a pink crepe photographed by Peter Knapp for the cover of Elle magazine. The iconic blouse. Once called "Le Cacharel", allowed the brand to enter the history of fashion for its emblematic design characteristic of the years 1960 and 1970. Cacharel designs are characteristic for their youthful style, femininity, lightness, refinement and use of bright colours. Over the years Cacharel had a tremendous impact on the fashion industry. They led the Liberty blouse boom into the 1970s. Cacharel designers have included legends like Agnès B, Azzedine Alaïa, Corinne Cobson, the Clements Ribeiro and more.

 Nel 1962 Jean Bousquet, a Nîmes, fonda l'azienda Jean Cacharel. Cacharel prende il nome da un uccello della Camargue (Anas querquedula, una piccola anatra).
Jean Bousquet era il figlio di un venditore di macchine da cucire; era immerso nel mondo di vestiti  fin dall'infanzia. Studia per diventare sarto in un istituto tecnico e  lavora per due anni come designer prima di tornare a Parigi per fondare una propria casa di moda a Le Marais. Il successo della sua prima collezione lo ispira per creare la sua linea Cacharel.
I primi  riconoscimenti li ottiene grazie alla famosa camicetta di crepe rosa fotografata da Peter Knapp per la copertina della rivista Elle. La camicia diventa iconica.Bastava il nome di "Le Cacharel", per indicare una specifica blusa e ciò ha permesso al marchio di entrare nella storia della moda per la sua caratteristica di design iconico degli anni 1960 e 1970.
Il design Cacharel è caratteristico per il suo stile giovanile, per la femminilità, la leggerezza, la raffinatezza e l'uso di colori vivaci. Nel corso degli anni Cacharel ha avuto un enorme impatto sul settore della moda. Hanno portato il boom camicetta Liberty nel 1970. Stilisti per  Cacharel hanno incluso leggende come Agnès B, Azzedine Alaïa, Corinne Cobson, il Clements Ribeiro e altri ancora.




CLOSET CASTLE di Annapaola Brancia d'Apricena




Early Seventies silk shirt by Jean Cacharel
Camicia di seta primi anni Settanta di Jean Cacharel

Jean Cacharel 1966

Jean Cacharel 1963

Jean Cacharel 1973 -Marie Claire ph. Helmut Newton

Jean Cacharel 1967

Jean Cacharel 1968

Jean Cacharel 1966

Jean Cacharel 1971

Jean Cacharel 1971

 Cacharel 1975-Elle France ph. Sarah Moon
Related Article:http://www.scostumista.com/2017/04/70s-in-every-season.html

Friday, April 14, 2017

DAMIEN HIRST-TREASURES FROM THE WRECK OF THE UNBELIEVABLE

Until December 3, 2017, Palazzo Grassi and Punta della Dogana present "Treasures from the Wreck of the Unbelievable", a new project by British artist Damien Hirst that will run across both venues. Damien Hirst's latest project has been ten years in the making. The exhibition is curated by Elena Geuna, curator of the monographic shows dedicated to Rudolf Stingel (2013) and Sigmar Polke (2016) presented at Palazzo Grassi. This will be the first major solo show dedicated to Damien Hirst in Italy since the 2004 retrospective at the Museo Archeologico Nazionale in Naples.
The story of Cif Amotan II, a freed slave from Antioch, relates that the slave accumulated an immense wealth  that he invested to build a lavish collection of artefacts deriving from the lengths and breadths of the ancient world that were brought together on board a colossal ship, the Apistos.
But the vessel foundered, the collection lay submerged in the Indian Ocean for some two thousand years.
Only in 2008, a vast wreckage site was discovered off the coast of East Africa. Damien Hirst rediscover it for this great solo exhibition in Venice: five thousand square meters of works that invite the viewer to become a legend. Resurface sculptures and artifacts encrusted with fake corals and sponges (almost kitch) complete with videos of the discovery.

Fino al 3 dicembre 2017, Palazzo Grassi e Punta della Dogana presentano "Treasures from the Wreck of the Unbelievable", un nuovo progetto dell'artista inglese Damien Hirst che verrà esposto in entrambe le sedi. L' ultimo progetto di Damien Hirst è durato dieci anni di lavoro. La mostra è curata da Elena Geuna, curatrice delle mostre monografiche dedicate a Rudolf Stingel (2013) e Sigmar Polke (2016) presentato a Palazzo Grassi. Questa è la prima importante personale  dedicata a Damien Hirst in Italia dalla retrospettiva del 2004 proposta dal Museo Archeologico Nazionale di Napoli.
 La storia di Cif Amotan II, un liberto di Antiochia, narra che, dopo l’affrancazione, lo schiavo accumulò un’immensa ricchezza che investì collezionando oggetti provenienti da ogni angolo del mondo che furono caricati tutti insieme sulla gigantesca nave Apistos. Ma l’imbarcazione affondò e la collezione rimase sul fondo dell’Oceano Indiano per circa duemila anni. Solo ne 2008 al largo della costa orientale dell’Africa fu scoperto il relitto della nave naufragata. Damien Hirst lo riscopre per questa grande personale a Venezia: cinquemila metri quadrati di opere che invitano lo spettatore ad entrare nella leggenda. Riaffiorano sculture e manufatti incrostati di finti coralli e spugne (al limite del kitch) con tanto di video del ritrovamento.

                                                                                                                 credits:Alessandra Pugliese





















Wednesday, April 12, 2017

IMAGO MUNDI

Imago Mundi è il progetto non profit di arte contemporanea promosso da Luciano Benetton: artisti di tutto il mondo, affermati ed emergenti, si stanno confrontando con lo stesso supporto, una tela di 10x12 cm; fino ad ora sono stati coinvolti 20.000 artisti da 120 Paesi, regioni e popoli, che diventeranno 26.000 entro la fine del 2017.
La ricerca degli artisti di Imago Mundi è promossa attraverso i cataloghi, la piattaforma imagomundiart.com e la partecipazione a presentazioni organizzate in collaborazione con istituti privati e pubblici, in tutto il mondo: da Venezia (Biennale di Venezia e Fondazione Cini, 2013 e 2015) al NOMA Museum di New Orleans (2014-2015), dal Belvedere di Vienna (2015) al Pratt Institue di New York (2016), dalla Cina, dove Imago Mundi è impegnato fino alla fine del 2019 in un tour itinerante, a Palermo, dove la presentazione dedicata alle 21 collezioni dei Paesi del Mediterraneo ha inaugurato il percorso espositivo del 2017.
Da oggi 12 aprile all'8 maggio 2017 il museo MADRE di Napoli ospita Doni – Authors from Campania, un'esplorazione della produzione artistica attuale in Campania attraverso le opere di 143 artisti, nell'ambito di Imago Mundi. Per la prima volta, il progetto in progress Imago Mundi dedica questo suo capitolo (a cura di Chiara Pirozzi) esclusivamente ad una singola regione, la Campania, in cui si sono avvicendati per millenni popoli e culture diversi, dai Greci agli Etruschi e ai Romani, dai Bizantini ai Longobardi e ai Normanni, fino a Francesi e Spagnoli, e oltre. La Campania oggi è il crogiolo vivace, stupefacente e affascinante di queste articolate radici storiche, culturali, artistiche a cui Imago Mundi rende omaggio con la presentazione al museo MADRE di Doni – Authors from Campania, in cui le contaminazioni e i richiami, le intersezioni e i nomadismi di un’esperienza culturale antichissima e unica rivivono nell'attualità della ricerca artistica proposta della scena campana contemporanea.
 Pittura, scultura, performance, video, installazione, fotografia: le molteplici forme espressive dell’arte contemporanea sono presenti e analizzate in questa collezione, che idealmente ruota attorno al concetto di “dono”: al dono delle singole opere da parte degli artisti fa da contraltare il dono dell’accoglienza nel caleidoscopio globale e democratico di Imago Mundi, in cui le opere si nutrono della loro bellezza e unicità e al contempo godono del riverbero del mosaico colorato, autentico e appassionato di cui fanno parte, nel rispetto dello spirito ideale del progetto complessivo.
Roxy in the Box 
Mimmo Jodice

Luciano Romano

Afterall

Riccardo Dalisi

Christian Leperino

Daniela Di Maro

Tuesday, April 11, 2017

180° BEAUTY IS TIMELESS

In my frantic search of serums and vitamin C concentrate to be applied as a first layer of a long series of layers I came across Hialuronic Acid Serum + Vitamin C concentrate by 180 °. A serum based on hyaluronic acid, natural ingredients and enriched with vitamin C, which moisturizes, smoothes and restores elasticity to the skin. Hyaluronic Serum 180 Cosmetics contains a high concentration of hyaluronic acid which penetrates deep into the skin, nourishing it from the inside, it is enriched with natural ingredients and vitamin C for maximum results. It also contains powerful antioxidants that protect the skin from free radicals. Fundamental read the inci to ensure it is formulated without formaldehyde, formaldehyde, phthalates, Petro-chemical, GMO, Triclosan, parfums and  dyes. Excellent value for money. I suggest  to alternate it periodically with other serums.

 Nella mia spasmodica ricerca di sieri e concentrati di vitamina C da applicare come primo strato di una lunga serie di layers mi sono imbattuta in Hialuronic Acid Serum + Vitamin C concentrate di 180°. Un siero a base di acido ialuronico, con ingredienti naturali e arricchito con vitamina C, che idrata, leviga e ridà elasticità alla pelle. Hyaluronic Serum di 180 Cosmetics contiene un elevata concentrazione di acido ialuronico che penetra in profondità nella pelle, nutrendola dall’interno, è arricchita con ingredienti naturali e vitamina C per massimi risultati. Contiene anche potenti antiossidanti che proteggono la pelle dai radicali liberi. Fondamentale leggere l'inci per accertarsi che sia formulato senza formalina, formaldeide, ftalati, Petro-chimiche, OGM, Triclosan, profumi e colori o coloranti. Ottimo rapporto qualità/prezzo. Consiglio di alternarlo periodicamente ad altri sieri.





Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...