Tuesday, July 25, 2017

ROMA STREET STYLE-VIA GUIDO RENI

Nami Lee


Monday, July 24, 2017

DO YOU WANT TO BE MAGNETIC?

MAGNETIGHT Age-Defier by Dr.Brandt is an iron-infused mask and magnet removal tool that work together to refine, purify, and revitalize the look of skin. This mask uses magnetic currents to zap away visible signs of skin aging. The mask is infused with iron magnetic particles that draw out impurities and daily residue trapped on the skin, while electromagnetic interactions create a “force-field effect” that lends skin a tighter feeling over time. Skin is visibly radiant, smoother, firmer, and tighter for younger-looking skin overtime. Once the mask has been completely removed, remaining product will be left on the skin. Massage the remaining product to infuse antioxidants, firming peptides, emollients, and essential oils that leave skin hydrated, smooth, and protected from negative effects of pollutants. skin feels re-energized and revitalized, softer, looks radiant and more youthful.
Amazing! (€75)

MAGNETIGHT Age-Defier del Dr.Brandt è una maschera a base di ferro che si rimuove con un magnete e che insieme  raffinano, purificano e rivitalizzano l'aspetto della pelle. Questa maschera  utilizza correnti magnetiche per distruggere i segni visibili dell'invecchiamento cutaneo. La maschera è infusa da particelle di ferro magnetiche che traggono impurità e i residui giornalieri intrappolati sulla pelle, mentre le interazioni elettromagnetiche creano un "effetto campo di forza" che conferisce alla pelle più turgore nel tempo. La pelle è visibilmente radiosa, più liscia, più chiara e straordinariamente più giovane. Una volta che la maschera è stata completamente rimossa, il prodotto rimanente sarà lasciato sulla pelle. Si massaggia il prodotto residuo per infondere antiossidanti, rassodanti peptidi, emollienti e oli essenziali che lasciano la pelle idratata, liscia e protetta dagli effetti negativi degli inquinanti. La pelle si sente rivitalizzata, più morbida, più radiosa e più giovane. Magica! (€ 75)






video






Friday, July 21, 2017

FASHION PHOTOGRAPHERS:RICHARD AVEDON

Richard Avedon was born in New York on May 15, 1923, and he was one of the greatest fashion photographers.
He studied philosophy at Columbia University, during the Second World War he was assigned for two years at the photography industry for the US Navy, in 1944 he studied photography at NY's New School of Social Research. In 1945 he started working for Harper's Bazaar, 20 years later he began working for Vogue.
Avedon used wide-angle lenses, exaggerated angles and stroboscopic lights to capture unusual expressions and often dissociated from the faces of subjects, he showed models full of emotion, smiling, laughing, and, many times, in action in outdoor settings which was revolutionary at the time. In his early fashion work he chose unusual scenarios, such as circuses, zoos, NASA launch pads, or dumpers, encouraging models to move freely, so more natural images came out, instead of capturing models inside a strict frame, he photographed them while moving, in the street, or inside public places. After the 1950s, most of his works were in the studio, using a nearly white background so as to empty the image to deprive it of any reference.
 He was also a great scouter and creator of female icons, who left their mark in the world of fashion like models such as Dovima, Suzy Parker, Veruschka, Twiggy, Penelope Tree, Lauren Hutton. His advertising campaigns for Chanel, Dior, Versace were very famous, he also participate in two editions of the Pirelli Calendar.
 Through his keen convictions in politics and intense interests in subcultures, Avedon has become a photographer in service to a vision larger than fashion per se.
He dies in 2004. Avedon's work is held in the following permanent collections: Museum of Modern Art and the Metropolitan Museum of Art in New York, the Georges Pompidou Center in Paris and many other museums and exhibitions around the world.

  Richard Avedon nasce a New York il 15 maggio 1923, è stato uno dei più grandi fotografi di moda. Studia filosofia alla Columbia Universuty, durante la seconda guerra mondiale viene assegnato per 2 anni al settore fotogr.fia per la Marina Mercantile statunitense, nel 1944 studia fotografia alla New School of Social Research di NY. Nel 1945 inizia la sua collaborazione con Harper's Bazaar, vent'anni dopo comincia la sua collaborazione anche per Vogue.
Famoso tanto per le sue fotografie di moda, quanto per i ritratti di celebrità, Avedon usava lenti a grandangolo, angolature esagerate e luci stroboscopie per catturare espressioni insolite e spesso dissociate dai volti dei soggetti. Nei suoi primi lavori di moda sceglieva scenari insoliti, come circhi, zoo, piste di lancio della Nasa o discariche, incoraggiando i modelli a muoversi liberamente:venivano fuori così immagini più naturali, diverse dai servizi di moda canonici. Dopo gli anni '50 la maggior parte dei suoi lavori avviene invece in studio, usa uno sfondo quasi sempre bianco in modo da da svuotare l'immagine per privarla di qualsiasi riferimento.
Ha scoperto e lanciato modelle come Dovima, Suzy Parker, Veruschka, Twiggy, Penelope Tree, Lauren Hutton.Famose le sue campagne pubblicitarie per Chanel, Dior, Versace. Partecipa a due edizioni del Calendario Pirelli. attraverso le sue acute convinzioni politiche e il suo grande interesse per le sottoculture, Avedon è stato un fotografo al servizio di una visione più ampia della moda in sé. Muore nel 2004 in seguito alle complicazioni seguite a un'emorragia cerebrale.
Le opere di Avedon arricchiscono le collezioni del Museum of Modern Art e Metropolitan Museum of Art di New York, del Centre Georges Pompidou di Parigi e di molti altri musei e esposizioni in tutto il mondo.
Audrey Hepburn, 1967

Audrey Hepburn, 1957


Elizabeth Taylor, 1964

Marilyn Monroe, 1957

Kate Moss, 1996

Linda Evangelista, Vogue Germany 1994

Vogue Italia, 1967

Courrèges sunglasses, 1960

Mia Farrow, Vogue 1966

Shalom Harlow, Amber Valletta, Trish Goff for Versace, 1995

Twiggy, Vogue UK 1967

Versace, 1995

Veruschka. 1967

Wednesday, July 19, 2017

VERSACE MAGNA GRECIA TRIBUTE-IL MIO ARTICOLO SULLA MOSTRA

La cultura ellenica fonte d'ispirazione per Gianni Versace, a 20 anni dalla sua morte una mostra al MANN mette a confronto le opere dello stilista con i reperti classici. Leggi il mio articolo su Ladyblitz:http://www.ladyblitz.it/moda/tributo-a-versace-una-mostra-al-man-1657971/

1994 - Emma S,, Nadja Auermann, Naomi Campbell Kate Moss, Eve Salvail,Shalom Harlow,Carla Bruni,Olga Pantushenkova,Christy Turlington,Linda Evangelista,Claudia Schiffer,Yasmeen Ghauri,Amber Valetta,Tricia Helfer,Helena Christensen












Tuesday, July 18, 2017

IL MIO ARTICOLO SULLE DINASTIE DELLA MODA

Fashion Dynasty - sempre più di rado lo scettro di un'azienda di moda passa al figlio, qualche impero però ancora resiste...leggi il mio articolo su Ladyblitz:
http://www.ladyblitz.it/moda/fashion-dynasty-efisio-marras-1657810/


I'm Isola Marras

I'm Isola Marras

I'm Isola Marras

Friday, July 14, 2017

PROVE TECNICHE DI TRASMISSIONE-FASHION EXHIBITION

“Prove Tecniche di Trasmissione” (lit. broadcasting tests) was an experimental programme which, in the early Seventies, showed images designed to test the chromatic effects of the new colour TV. Today, it is also the title of the 14th edition of A.I. Artisanal Intelligence, which, for the first time, promotes not only the work of young fashion designers and artisans, but also of costume designers who studied in Rome. The exhibition challenges a commonly accepted idea of chronology and definition of what is finished as beautiful: tests are no longer a passage, but a state of perfection, because they are still linked to studying, experimenting and the infinite. It is also the space where fashion and costume blend in a typically Roman creative dynamic. Everything will be designed as a fluid place, where tests represent a temporary, non-definitive decision, where the programme is the ideal screen in which a project to be shown to others is checked. The work of artist Isabella Ducrot opens the exhibition, which focuses on the various stages of preparation, from the artist studying the dress to the designer working on it on the worktable. Fashion becomes the tool that celebrates the importance of time, execution and practice with the work of seven Italian brands and three foreign ones, which were selected for their capacity to combine vision with the concrete ability of execution. For the accessories, three very different examples of craftsmanship and design have been selected: Wali Mohammed Barrech, Trakatan and Roberto Scarantino. Experimentations and reinvention of the sartorial approach are instead visible in the works of Marie Louise Vogt, Bav Tailor, Fase Factory, Alisée Yin Chen, Apnoea, Giuseppe Buccinnà and Asciari. Rome is the theatre-city par excellence, but it is also the place where fashion and costume follow the same creative dynamics: invention, fused with the artisanal dimension, is the same for both fashion and costume houses, which have always collaborated.

"Prove Tecniche di Trasmissione" è stato un programma sperimentale che nei primi anni Settanta ha mostrato immagini progettate per testare gli effetti cromatici della nuova TV a colori. Oggi è anche il titolo della 14a edizione di A.I. L'Intelligenza Artigianale, che per la prima volta promuove non solo l'opera di giovani stilisti e artigiani, ma anche di fashion designer che hanno studiato a Roma. La mostra sfida un'idea comunemente accettata di cronologia e definizione di ciò che è definito come bello: i test non sono più un passaggio, ma uno stato di perfezione, perché sono ancora legati allo studio, alla sperimentazione e all'infinito. È anche lo spazio dove la moda e il costume si fondono in una dinamica creativa tipicamente romana. Tutto sarà progettato come un luogo fluido, dove i test rappresentano una decisione temporanea e non definitiva, dove il programma è lo schermo ideale in cui viene controllato un progetto da mostrare ad altri. L'opera dell'artista Isabella Ducrot apre la mostra, e si concentra sulle varie fasi di preparazione, dall'artista che studia l'abito al progettista che lavora su di esso sul tavolo da lavoro. La moda diventa lo strumento che celebra l'importanza del tempo, dell'esecuzione e della pratica con l'opera di sette marchi italiani e tre stranieri, selezionati per la loro capacità di combinare la visione con la concreta capacità di esecuzione. Per gli accessori sono stati selezionati tre esempi molto diversi di arte e design: Wali Mohammed Barrech, Trakatan e Roberto Scarantino. Le esperienze e la reinvenzione dell'approccio sartoriale sono invece visibili nelle opere di Marie Louise Vogt, Bav Tailor, Fase Factory, Alisée Yin Chen, Apnea, Giuseppe Buccinnà e Asciari. Roma è la città teatrale per eccellenza, ma è anche il luogo dove la moda e il costume seguono le stesse dinamiche creative: l'invenzione, fondata sulla dimensione artigianale, è la stessa per le case di moda e costume che hanno sempre collaborato.


Accademia Costume e Moda

Alysée Yinchen

Accademia Costume e Moda

Bav Tailor

Roberto Scarantino

Asciari


Apnoea

Apnoea

Apnoea

Fase Factory

Giuseppe Buccinà

Wali Mohammed Barrech

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...