Tuesday, April 30, 2019

LINDASIETO- SCULPTURAL BAGS

LINDASIETO is a bag label founded in Budapest in 2010 .
 Linda Sieto is the founder behind the brand. After studies at Moholy-Nagy University of Art and Design, Budapest and Danmarks Designskole, Copenhagen, she decided to establish her own bag label. Her collections revolve around the concept of creating objects with a sculptural and personal touch. The pieces often represent the simultaneous presence of conflicting ideas, inspired by human traits. The brand is known for the signature slashed clutches and layered shoulder bags that add a graphic point to any outfit. The bags are carefully made using high quality Italian leather by skilled artisans in Europe.
The Spring-Summer 2019's theme is closeness and its interaction with perspective, meant both in time and space. By inserting seemingly independent yet strangely harmonious details here and there into the pieces, the goal was to „send a kind reminder” about the value.






Monday, April 29, 2019

CANDY SANDALS S/S 2019

Gucci
 
High heel tulle sandal €1100
Casadei
Futura Sandals €1100

Gianvito Rossi
Nappa leather Portofino sandals €615

Giuseppe Zanotti
pink candy silk sandals €795

Fendi
Sandals in pink technical mesh €850

Jimmy Choo
Candyfloss Suede Wrap Around Sandal   650 €

Prada
Leather sandals €650

Roger Vivier
Rose Button sandals € 790,00

Thursday, April 25, 2019

WORLD PRESS PHOTO 2019

Anche quest'anno il World Press Photo debutta a Roma dal 25 aprile al 26 maggio al  Palazzo delle Esposizioni, in seguito la mostra si sposterà in ben 50 paesi. Su più di 4000 partecipanti (il 32% donne), 43 sono i vincitori selezionati, tre premi sono stati dati a fotografie  riferite al fenomeno dell'immigrazione, scelta che dimostra l'importanza di questo concorso nel sottolineare i momenti storici che segnano le epoche. Oggi la crisi dell'immigrazione e quella ambientale fanno da protagonista. Dal 1950 (Primo World Press Photo) ad oggi  attraverso lo scorrere di immagini fortissime abbiamo un quadro storico degli avvenimenti più struggenti e memorabili che si sono avvicendati in questo arco di tempo.
A vincere questa edizione per la foto dell'anno è stato John Moore con lo scatto "Crying Girl on the Border" che mostra la piccola Yanela Sanchez, originaria dell'Honduras, che si dispera mentre lei e la madre vengono arrestate da agenti della polizia di frontiera statunitense a McAllen in Texas nel giugno 2018. L'immagine sintetizza la disumanizzazione di una politica miope di fronte alle grandi sfide del nostro tempo, mostrando in modo critico la politica di Trump sull'immigrazione.
Grazie al lavoro di questi bravissimi fotogiornalisti possiamo venire a conoscenza di realtà che si annidano nei paesi più remoti della Terra, augurandoci che questa opportunità faccia allargare lo sguardo verso una dimensione di accoglienza e di pluralismo.
Finbarr O'Reilly
(1' premio ritratti)
Tre modelle indossano creazioni della stilista Adama Paris a Dakar in Senegal, centro della moda franco-africana, dove ha anche sede Fashion Africa TV, prima emittente africana dedicata alla moda, Adama Paris, titolare dell'omonimo marchio, è la forza motrice della Dakar Fashion Week.

Luisa Dorr
Donne e ragazze vestite da fallera in occasione del Festival Fallas di Valencia in Spagna

Diana Markosian
Pura percorre una strada del suo quartiere a Cuba in una decappottabile anni '50 il giorno del suo quindicesimo compleanno

Daniele Volpe
Il soggiorno di una casa abbandonata in Guatemala ricoperta di cenere dopo l'esplosione del Volcan de Fuego

Wally Skalij
Due cavalli evacuati, avvolti da fumo in seguito a un incendio presso Zuma Beach a Malibu

Brent Stirton
(1' premio reportage)
Torna l'arte della falconeria nel mondo arabo e grazie a falchi allevati in cattività diminuisce la caccia a uccelli selvatici

Angel Fitor
Ctenoforo con veli nuota nelle acque al largo di Alicante

Jasper Doest
Un fenicottero dei Caraibi osserva la sua calza realizzata per favorire la guarigione di alcune ferite

Jasper Doest
Il fenicottero Bob salvato dopo un i'ncidente di volo' convive con gli umani dell'isola …Curacao nei Caraibi

Brent Stirton
Donna della squadra di antibracconaggio perfeziona le tecniche di mimetizzazione nello Zimbabwe

Mario Cruz
Un bambino che raccoglie  materiale da riciclo si riposa su un materasso abbandonato a Manila

Nadia Shira Cohen
Bimbo a bordo del camion di suo padre nel periodo di raccolta della soia Nuevo Durango

John Wessels
Manifestazioni durante il periodo pre-elettorale in Congo

Yael Martinez
La casa che sanguina-Messico

Pedro Pardo
Migranti scavalcano la barriera al confine tra Messico e Stati Uniti

Heba Khamis
 Jochen (71 anni) e Mohamed (21 anni) a Berlino, dopo averlo conosciuto che si prostituiva, Jochen s'innamora di Mohamed

Pieter  Ten Hoopen
(vincitore reportage dell'anno)
Migrant Caravan
Gruppo di persone che corre verso un camion che si è fermato per dare loro un passaggio dal Messico agli Stati Uniti

John Moore
Crying Girl on the Border

(1'premio foto singole)

Elif Ozuk
Il Kirkpinar è una tradizione truccate esiste da più di 660 anni e consiste in un torneo di lotta con l'olio

Elif Ozuk
Giovani lottatori si stringono la mano

Sarah Blesener
programma proposto dal governo russo intitolato "Educazione patriottica dei cittadini russi 
Brendan Smialowski
Donald Trump conduce per mano Emmanuel Macron verso lo Studio Ovale della Casa Bianca

Chris McGrath
Un uomo cerca di trattenere i giornalisti all'arrivo degli investigatori sauditi il 15 ottobre presso il Consolato dell'Arabia Saudita a Istanbul nel clima di tensione suscitato in seguito alla scomparsa del giornalista Jamal Khashoggi

Wednesday, April 24, 2019

THE NEW MARBLE BAGS

ARRIVANO LE  “MARBLE BAGS” FIRMATE ALBERICA, UNA NUOVA LINEA DI BORSE DAL DESIGN SARTORIALE DEDICATE AI MARMI DI CARRARA.
Un ritorno alle radici, ai tempi in cui tutto era fatto a mano nei laboratori artigiani, con una ricerca dei tessuti d'avanguardia e particolari unici. Un’esclusiva linea di borse che ha scelto di debuttare durante il Salone del Mobile di Milano con un’inedita esposizione a Palazzo Parigi.
 Interamente realizzate in Italia all’interno di un piccolo laboratorio artigianale alle porte di Firenze, le esclusive borse Alberica sono caratterizzate da un logo a forma di conchiglia e dal manico in autentico marmo bianco di Carrara alleggerito, elementi nobili e ricercati della tradizione artigianale italiana legate alla moda ed al design. A rendere questi accessori ancora più unici e speciali sono la minuteria di ottone realizzata interamente a mano e i sorprendenti tessuti provenienti dall’atelier Mantero Seta di Como, creati con telai jacquard.  La fondatrice e designer del brand, Sara Giannelli, ha coltivato con cura il proprio brand negli ultimi anni interpretando, in chiave contemporanea e femminile, la sua passione per i dettagli unici e irripetibili come appunto i manici in marmo di Carrara e i tessuti preziosi delle seterie di Como. La collezione è caratterizzata inizialmente dai toni del blu che col tempo hanno lasciato spazio ad altri colori come il verde acceso e il ritorno al rosa, entrambi interpretati in modo molto femminile.





Tuesday, April 23, 2019

3 STEPS FOR A BRIGHT FACE

Three steps for a bright face:


1: exfoliate the face with Sisley GENTLE FACIAL BUFFING CREAM Crème Gommante pour le visage Rich in exfoliating Bamboo micro-particles of natural origin, the Gentle Facial Buffing Cream sweeps away dead skin cells and impurities. This isn't one of those harsh scrubs that take a layer off. the creamy formula sets to a mask and you're advised to leave it on a while, I then add water and emulsify it so I feel the benefit of the scrubby beads to exfoliate and rinse off. It gently refines the skin texture thanks to the soothing properties of German Chamomile extract. The exfoliant increases the skin's receptiveness to other skin care products in the routine. It leaves your skin nice and smooth and it feels fresh and healthy. It buffs away every impurity and prepares the skin for the next products.

2. Mene & Moy (M&M Systems) Glycolic Acid Masque 10% stimulates and cleanses pores, tighten, tones and nourishes skin. Perfect for all skin types, it's specially indicated for acne and oily skin treatment. Deep cleansing, exfoliating facial mask containing 10% glycolic acid. pH 3.00. Frequent use provides an excellent defense against the elements which clog and block pores. Smooth a thin layer over the face,forehead and neck. Allow to dry for 2-5 mins and wash off with water and I usually add some drops of olive oil to cleanse and soften my face.

3:Bionike Defense B-Lucent Concentrated Anti-Spotting is an intensive treatment that favors the attenuation of brown spots and prevents their appearance, helping to make the complexion brighter and more uniform.it must be followed with the application of a moisturising cream that replenishes skin.

Tuesday, April 16, 2019

DAVID LACHAPELLE + AFTERMODERNISM

Roma - Mercoledì 17 aprile 2019, alle ore 18.00, inaugurano due importanti mostre nei due spazi espositivi che animano da qualche anno piazza Borghese.
 La Galleria Mucciaccia presenta il notissimo artista americano David LaChapelle in una mostra che celebra la sua carriera, dagli esordi agli ultimi lavori. La galleria Mucciaccia Contemporary, invece, dà avvio a una nuova sfida, esponendo in Italia un inedito gruppo di artisti internazionali riuniti dal grande collezionista americano Hubert Neumann sotto la sigla AFTERMODERNISM: il primo capitolo di questa serie di mostre è dedicato a James Busby e Justin Samson. Le due esposizioni, che hanno ricevuto il patrocinio dell’Ambasciata degli Stati Uniti in Italia, si propongono come vetrina sull’America odierna, una singolare analisi sull’evoluzione dell’arte contemporanea e sull’approccio del collezionismo attuale.

 Galleria Mucciaccia 
David LaChapelle Trentaquattro opere in mostra ripercorrono tutta la produzione del grande artista americano, a partire dagli anni Ottanta, quando si allontana dal mondo dei rotocalchi e della pubblicità per avvicinarsi all’arte, fino alle opere più recenti. Atmosfere hawaiane, paesaggi inaspettati, figure mitologiche e suggestioni oniriche, popolano le opere di LaChapelle, in una mostra che procede a ritroso nel tempo: dagli ultimi lavori, New World, Lost and Found e Behold, suggestive foto scattate nel 2017 nell’incontaminata foresta pluviale delle Hawaii, dense di misticismo e spiritualità, a quelli meno recenti, realizzati a Los Angeles, come i due grandi pannelli della serie Aristocracy (2014), della monumentale Showtime at the Apocalypse (2013), il famoso ritratto di Natale della famiglia Kardashian, dei Landscape, delle floreali Earth Laughs in Flowers e di Rape of Africa (2009), un’opera provocatoria contro la violenza subita dal continente africano, che dà il titolo all’omonimo progetto presentato nel 2008. Del 2007, l’anno di svolta della produzione di Lachapelle, è la serie The deluge e After the deluge, ispirato dalla visione della Cappella Sistina. Il riferimento al capolavoro michelangiolesco si mescola a quello di marchi della società dei consumi, generando una visione apocalittica con un finale dove oggetti, opere d’arte e persone appaiono sommerse dall’acqua, come in Cathedral, Statue e Awakened. Concludono l’esposizione la serie di fotografie realizzate tra il 1984 e il 2009 che guardano al mondo dello spettacolo e delle star di Hollywood, come i tre ritratti di Michael Jackson che ne celebrano la beatificazione mediatica, quello hollywoodiano di Faye Dunaway in Day of the Locust (1996), Dynamic Nude e l’unica fotografia in bianco e nero scattata a New York: Good News for Modern Man del 1984.
Dal 18 aprile al 18 giugno 2019

 Mucciaccia Contemporary
AFTERMODERNISM. A Perspective on Contemporary Art. Chapter 1. James Busby - Justin Samson 
 La Galleria Mucciaccia Contemporary apre al pubblico la mostra Aftermodernism. A Perspective on Contemporary Art. Chapter 1. James Busby - Justin Samson, a cura di Cesare Biasini Selvaggi. Con dieci opere di James Busby (Rock Hill, SC, USA, 1973) e quindici di Justin Samson (Milford, CT, USA, 1979), il progetto espositivo intende presentare in Italia un nuovo gruppo di artisti internazionali (prevalentemente americani o residenti in USA, ma con una discreta presenza anche di europei) riuniti sotto la sigla AFTERMODERNISM, da parte di uno dei più grandi e singolari collezionisti del nostro tempo, Hubert Neumann. Ottantasettenne con una passione smodata per l’arte contemporanea ereditata dal padre Morton, Neumann possiede una raccolta di oltre 2.600 opere (molte delle quali capolavori) del Cubismo, Astrattismo europeo, Scultura d’avanguardia, Espressionismo Astratto americano, Pop Art e Graffitismo, di alcuni dei più importanti artisti del XX secolo. Tra questi Picasso, Léger, Miró, Kandinsky, Kline, Giacometti, Dubuffet, Rauschenberg, Lichtenstein, Haring, Basquiat, Koons, solo per citarne alcuni. L’unico filo conduttore su cui si basa questa straordinaria collezione è la conoscenza diretta degli artisti. Dotato di un fiuto eccezionale come il padre, Neumann ha continuato a selezionare, all’albore dei loro esordi, artisti che sarebbero poi diventati di fama internazionale. Negli ultimi anni la sua attenzione di collezionista si è focalizzata su un gruppo di artisti (per lo più generazione anni Settanta, Ottanta e Novanta), attualmente una quarantina in tutto, in cui Neumann ravvisa quella che per lui è una vera e propria nuova corrente artistica su cui investire, definita appunto AFTERMODERNISM, di cui James Busby e Justin Samson sono i primi esponenti a essere presentati in Italia.
 Dal 18 aprile al 29 giugno 2019

DAVID LACHAPELLE










JAMES BUSBY




JUSTIN SAMSON





Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...