Tuesday, May 23, 2017

SOLID OILS

L'Acido Laurico è un grasso saturo, si trova nel latte materno e ha capacità antisettiche.
Ma l'Acido Laurico si trova in abbondanza anche nell'Olio di Cocco, nell'Olio di Babassu e nel Burro di Karité. Sono tre oli solidi, col calore l'olio di cocco e quello di Babassu diventano liquidi, e hanno tutti forti  proprietà emollienti.
L'Olio di Cocco è ricco di vitamina E, applicato sulla pelle la rende estremamente morbida, ha effetti idratanti, antirughe, antinvecchiamento; ottimo come maschera per i capelli, li nutre e li rende lisci e setosi, ma la particolarità di quest'olio è che è ottimo per la pulizia dei denti e della bocca, ricco di calcio ha proprietà sbiancanti e antibatteriche, in India viene tradizionalmente usato per la pratica Ayurvedica dell'Oil Pulling: appena svegli sciacqui con due cucchiaini di olio facendolo passare accuratamente tra i denti, sulle gengive, sulla lingua e poi sputarlo dopo pochi minuti, questa pratica fa in modo che tutte le tossine e i batteri accumulati possano essere raccolti dall’olio e quindi espulsi definitivamente dal corpo.
 Orbignya Oleifera Oil è l’olio ottenuto dalle noci del Babassu, palma originaria del Brasile, con proprietà molto simili a quelle dell’olio di cocco. Ha proprietà protettive, anti-age, nutrienti ed emollienti. Entrando a contatto con la temperatura corporea diventa immediatamente morbido, facile da spalmare e di rapido assorbimento, perciò non genera untuosità, e il fatto che non ostruisce i pori della pelle fa sì che possa essere utilizzato anche su pelli miste e grasse in quanto non causa punti neri. L’olio di babassu è anche ideale per ridare lucentezza, corposità e setosità ai capelli stressati. Ottimo come prodotto doposole, è in grado di riparare la chioma anche quando provata da salsedine ed esposizione ai raggi solari.
 Il burro di karité è estratto dai semi, noccioli, del karité o Vitellaria paradoxa, un albero che cresce nell'Africa occidentale, ha un'altissima concentrazione di trigliceridi, è ricco di antiossidanti, di vitamina E che combatte i radicali liberi e agevola la micro-circolazione sanguigna della superficie dell’epidermide, di vitamina A che previene e combatte le rughe, il karité forma come un film protettivo sulla pelle idratandola. Grazie al contenuto dell'acido cinnamico ha proprietà antiinfiammatorie, antisettiche e protettive, e favorisce la produzione del collagene.


Monday, May 22, 2017

CARA E KRISTEN CI DANNO UN TAGLIO

Giovani, moderne , trend setter, un ex fidanzata in comune (la musicista St. Vincent), muse di Karl Lagerfeld. Cara Delevigne e Kristen Stewart sfilano sul red carpet del 70' festival di Cannes con i capelli rasati a zero, (entrambe per esigenze di copione)
 “Sono stanca di una società che definisce la bellezza per noi. Toglietevi i vestiti, lavate via il trucco, tagliate i capelli. Chi siamo? Come stiamo definendo la bellezza? Cosa consideriamo bello?”. Ci domanda Cara Delevigne; mentre Kristen Stewart risponde ad un cronista dell'Hollywood Reporter: "Se non domandi anche ai ragazzi perché non indossano abito e tacchi, non puoi chiederlo neanche a me!"
Da bionde e angeliche bellezze la trasformazione in ragazzacce strafottenti dei diktat estetici ci piace!

Cara Delevigne - Kristen Stewart

Cara Delevigne - Kristen Stewart

Cara Delevigne - Kristen Stewart

Thursday, May 18, 2017

NONOSTANTE MARRAS -ROBERTO KUSTERLE:SULLA METAMORFOSI

Inaugura oggi nello spazio Nonostante Marras la personale di Roberto Kusterle: Sulla metamorfosi, a cura di Francesca Alfano Miglietti. In mostra opere scelte da serie diverse di Roberto Kusterle. Scatti, ritratti, fotomontaggi, opere che suscitano una quieta inquietudine, la stessa che scaturisce dal mondo in cui si viene proiettati dall’artista. Nella dimensione proposta da Kusterle, infatti, i confini del corpo si dissolvono, pur mantenendo forme riconoscibili, nel perpetuarsi di una metamorfosi sospesa nella cornice della foto. I personaggi si sdoppiano, si fondono, spiccano il volo con ali di farfalla o con orecchie alate, in un gioco di contaminazioni e di trasformazioni, in cui le nervature delle foglie diventano le vene e le arterie di corpi umani, dove lo spirito selvaggio di una volpe squarcia il petto di quell’uomo che lo cela nel fondo del suo cuore. Sono esseri che non vivono nel reale ma in un mondo di metamorfosi, dove i sogni diventano più reali del reale, in cui la rappresentazione si trasforma in ineluttabile destino.
Roberto Kusterle attivo dagli anni Settanta nel campo delle arti visive, si dedica alla pittura e alle installazioni fino all’incontro con la fotografia, che elegge strumento ideale della propria ricerca espressiva. Le sperimentazioni degli anni successivi portano alla luce i temi essenziali della sua poetica: la continuità tra il mondo umano, animale e vegetale, il ruolo di mediazione del corpo, la negazione dello sguardo, l’esercizio costante dell’ironia, dell’ambiguità e dello spiazzamento.

Fino al 16 Giugno- Spazio NONOSTANTE MARRAS -Via Cola di Rienzo 8, Milano

Il Risveglio - Il Distacco dell'Ala

Il Profeta degli Abissi - Danza Nuziale

Ascolto il mio volo - Bricolage della memoria

Camicia di pietra - La maschera dell'ipocrisia

Cinta d'alloro - Estrema difesa

Eudora - Galatea - Penelope

L'Ombra del desiderio - Il Desiderio della notte

La Carezza - La Maschera bianca

Protezione - Abbandono sul fondo

Pseudoedipo - Volerò per tornare

Vortici della serenità - L'ansia sospesa

Wednesday, May 17, 2017

NEW DESIGNERS:THE RERACS

Naomi Kurahashi founded The Reracs in Tokyo in 2010.
The Reracs is an architecture technical term, meaning “destroy and re-build”. It was chosen to represent the brand's ethos of deconstructing classics to reconstruct them in a modern and minimal silhouette.
Kurahashi describes her brand's style with the words luxury, street and coexistence of oppositions.
 The inspiration for SS 2017 can be summed up by term "beaches". It's all about the branch that lengthens from a root called basic, states the designer who loves to use hi-tech materials, but also the finest bespoke textiles made in Japan, including cashmere, melton wool, silks and cottons, and  spun fabrics from Italy.

 Naomi Kurahashi ha fondato The Reracs a Tokyo nel 2010.
Reracs è un termine tecnico architettonico, che significa "distruggere e ricostruire". È stato scelto per rappresentare l'ethos del marchio, decostruire i classici per ricostruirli in una silhouette moderna e minimale.
 Kurahashi  dscrive lo stile del suo marchio con le parole lusso, strada e coesistenza delle opposizioni. L'ispirazione per la SS 2017 può essere riassunta con il termine "spiagge". Si tratta del ramo che si allunga da una radice chiamata base, afferma la designer che ama usare materiali hi-tech,ma anche i migliori tessuti su misura in Giappone, tra cui cachemire, lana di melton, seta e cotoni e tessuti filati italiani .






Tuesday, May 16, 2017

SVOLGIMENTO DI UN QUADRO

Se siete a Venezia per la Biennale segnalo anche questa mostra alla Fondazione Querini Stampalia:
Maria Morganti-Svolgimento di un quadro.
“Io non faccio il colore, lo trovo. Non lo invento, non lo progetto, non lo produco, non lo riproduco... tendo verso di esso. Lo ascolto e lo vedo farsi. Lo vedo nascere sulla tela” Maria Morgantia mette in relazione con la Caffetteria progettata dall’architetto Mario Botta con il quale l'artista si è confrontata per il progetto Svolgimento di un quadro.L'installazione permanente vede coinvolte le pareti di questo spazio, rivestite da arazzi creati e sviluppati in strettacollaborazione con Bonotto, una delle manifatture tessili più creative al mondo. L’idea ha origine dal Quadro per la Sala dell’800 che Maria Morganti ha dipinto nel 2008 durante le visite alle Collezioni del Museo. Quando nel 2015 accoglie l’invito di Chiara Bertola a confrontarsi con gli spazi della caffetteria, Maria Morganti decide di tornare a quel quadro e al suo diario di pennellate. “Sono partita dal ‘grumo’, dal fiore, assumendolo simbolicamente come fosse il punto condensato del pensiero del pittore, per domandarmi come espandere questo gesto intimo e denso. Come allargarlo nello spazio? Come pensare ad un gesto ampio? Ciò che muove Maria Morganti in questo progetto è la relazione, la sintonia, la ricer-ca di similitudini, uguaglianze e non differenze, la consapevolezza che partendo dai punti di contatto, dall’aderenza con un’altra esperienza possono nascere nuove con-giunture. con la manifattura tessile Bonotto la Morganti è riuscita a confrontarsi in maniera empatica. “Ho immaginato di tradurre il gesto del pittore – spalmare colore ad olio sulla tela – nella pratica dell’azienda Bonotto – formare il tessuto attraverso una trama e un ordito – e ho traslato così ogni singolo strato di colore in una tela colorata. Dalla tela come supporto della pittura, alla tela come materia-colore essa stessa”, afferma Maria Morganti. “Se ogni singola pennellata di colore è costituita da tantissime gra-dazioni, così il tessuto che ho elaborato con Giovanni Bonotto è composto da tanti fili diversi che assieme vanno a creare un unico colore. Da lontano appaiono come gran-di campiture monocrome, ma quando ci avviciniamo capiamo che il colore è com-posto da tantissime sfumature. Si tratta dell’ingigantimento del gesto pittorico, senza 4mediazione, senza distanza: costringe ad un rapporto ravvicinato e diretto con il colo-re.

 Stratificazione con Amazzonite 

Dalla Querini a Castelvecchio
 Diario di viaggio. Pellestrina, 6 - 15 agosto 2016

 Sedimentazione 2015 #4

 Sedimentazione 2014 #4

Monday, May 15, 2017

LA BIENNALE DI VENEZIA - 57th INTERNATIONAL ART EXHIBITION-VIVA ARTE VIVA

The 57th International Art Exhibition, titled VIVA ARTE VIVA and curated by Christine Macel, is open to the public from Saturday 13 May to Sunday 26 November 2017 at the Giardini and Arsenale venues.
The 57th International Art Exhibition also features 86 National Participations in the historic pavilions at the Giardini, the Arsenale, and the city of Venice.
This Biennale Arte is inspired by humanism by the kind of humanism that celebrates mankind’s ability to avoid, through art, being dominated by the powers that govern world affairs, this is a humanism in which the artistic act is an act of resistance, of liberation and of generosity.
The exhibition offers a route that molds the artists’ works. The journey unfolds over the course of nine chapters, beginning with two introductory realms in the Central Pavilion: the Pavilion of Artists and Books and the Pavilion of Joys and Fears, followed by another seven across the Arsenale through the Giardino delle Vergini: the Pavilion of the Common, the Pavilion of the Earth, the Pavilion of Traditions, the Pavilion of Shamans, the Dionysian Pavilion, the Pavilion of Colors and the Pavilion of Time and Infinity.

 La 57° Esposizione Internazionale d’Arte dal titolo VIVA ARTE VIVA, curata da Christine Macel, è aperta al pubblico da sabato 13 maggio a domenica 26 novembre 2017 ai Giardini e all’Arsenale.
La 57. Esposizione Internazionale d’Arte è affiancata da 86 Partecipazioni Nazionali negli storici Padiglioni ai Giardini, all’Arsenale e nel centro storico di Venezia.
La Biennale Arte di quest’anno è ispirata all’umanesimo ed è un umanesimo che celebra la capacità dell’uomo, attraverso l’arte, di non farsi dominare dalle forze che governano, nel quale l’atto artistico è atto di resistenza, di liberazione e di generosità.
La Mostra offre un percorso espositivo coniugato alle opere degli artisti, piuttosto che un tema conduttore unico. Il percorso si sviluppa così intorno a nove capitoli, con due primi universi nel Padiglione Centrale: il Padiglione degli Artisti e dei Libri e il Padiglione delle Gioie e delle Paure, seguiti da sette altri universi che si snodano dall'Arsenale al Giardino delle Vergini: il Padiglione dello Spazio comune, il Padiglione della Terra, il Padiglione delle Tradizioni, il Padiglione degli Sciamani, il Padiglione dionisiaco, il Padiglione dei Colori e il Padiglione del Tempo e dell’Infinito.

ARSENALE
Huguette Caland
                                                                                          photo: special thanks to Alessandra Pugliese




Mikelis Fišers




Varnai Gyula


GIARDINI

Martin Fryc





John Waters







Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...